Migliori Tim Buckley Rock classico nel 2022

Tre canzoni di Tim Buckley che devi ascoltare!

Felice donna triste e zingara è tra le canzoni più famose di Tim Buckley. Ma quale canzone del suo album classico rock dovresti ascoltare? Ho selezionato tre delle sue canzoni più belle da condividere con te. Continua a leggere per scoprire di più su questi classici senza tempo! - Allucinazioni, donna zingara e altro ancora! - e preparati a essere spostato da queste potenti canzoni.

Allucinazioni

La traccia del titolo dell'album classico di Tim Buckleys Evoca uno stato sognante e ricorda i primi album di Jeff Buckleys. Fu pubblicato nel 1970 e probabilmente l'album era anni in anticipo sui tempi. La gamma di album comprende un jazzbo di nome Lee Underwood, il batterista Buddy Helm e il bassista Bernie Mysior. Buckley ha un talento per combinare jazz e rock e la sua scrittura è eccezionale.

Questa traccia evocativa è apparsa per la prima volta sull'album di Buckleys del 1973 Sefronia, e in seguito su diverse grandi registrazioni dal vivo, tra cui Dream Letter: Live in Londra 1968. La band di Buckleys presentava il bassista del pentangle Danny Thompson su un basso verticale. Le canzoni di questo album sono incantevoli e Buckleys Voice è una forza potente. A differenza della maggior parte degli album rock, Halcins è un pezzo essenziale di discografia di Tim Buckleys.

L'album di debutto Jeff Buckley registrato nel 1966 è un eccellente esempio dei suoi primi anni. Sebbene non maturo, questo album caratterizza la scena musicale di Los Angeles a metà degli anni '60. Mostra il potenziale di Buckley ed è una testimonianza del talento di questo adolescente senza pretese. Oltre la metà delle tracce dell'album è co-scritta da Buckley. Buckley ha anche collaborato con Larry Beckett, un compagno di scuola superiore che era stato un batterista in un trio ispirato al ritmo.

Felice triste

Happy Sad è il terzo album in studio di Tim Buckleys, pubblicato nell'aprile 1969. È stato registrato ai registratori audio di Elektra a Los Angeles con l'aiuto di ex membri del Spoonful Lovin, Jerry Yester e Zal Yanovsky. Originariamente prodotto da Zal Yanovsky, questo album è stato successivamente riprodotto da Jerry Yester. Questo è uno degli album di Buckley più sottovalutati.

Happy SAD condivide alcune somiglianze con le versioni successive di Buckleys, tra cui Blue Pomeriges e Lorca. Questo periodo della sua carriera è stato anche il più produttivo. Il risultato è che Happy Sad rappresenta un momento decisivo nella carriera di Buckley e rappresenta una svolta nel suo stile musicale. Come membro di Frank Zappas Mothers of Invention, Buckleys testi ha disegnato un ampio spettro di influenza.

In Gypsy Woman, Buckley ha cantato gli stereotipi zingari, mentre tentava di trascendere le proprie esperienze personali. Mentre questo sforzo non è stato registrato, Buckleys tenta di trascendere se stesso erano sinceri. Buckley usa dinamiche vocali selvagge e ripetizioni per raggiungere le canzoni. Ha persino incorporato una conga, una canzone che mostra la sua sessualità e malvagio senso dell'umorismo.

Zingara

Come poeta d'avanguardia, Buckley ha uno stile unico che combina l'umorismo ironico con un sottotono oscuro. Il suo live set al Troubadour di Los Angeles ha introdotto materiale dal suo prossimo album Lorca, che ha preso il nome dal famoso poeta spagnolo assassinato. Qui, Buckley conflice su una foschia blu a mezza tono e allunga la sua voce come un poeta sul bordo della follia.

Mentre la canzone è apparsa per la prima volta sull'album dello studio di Buckleys del 1973 Sefronia, in seguito ha trovato una registrazione dal vivo sulla lettera di uscita del 1990: Live in Londra 1968. La band di Buckleys a questo concerto includeva Pentangles Danny Thompson su un basso verticale. La band ha suonato alcune ottime versioni della canzone. Come ci si potrebbe aspettare, questa registrazione è molto diversa dagli altri record di Buckley.

Nonostante sia un classico rock, Gypsy Woman è un capolavoro di caleidoscopio convulso e visionario che fonde vari generi in un rituale erotico. La sua percussione tribale di apertura dà il tono a un giro ipnotico ed esplosivo che inizia con una sordina e termina con un droga. Successivamente, la canzone diventa un'esperienza ipnotica che da allora ha influenzato innumerevoli band.

Allucinazioni su Lorca

Alla fine degli anni '70, Jeff Buckley doveva il suo ultimo album, Lorca, alla band. Rilasciato nel 1970, Lorca era ancora considerata anni in anticipo sui tempi, soprattutto considerando l'aggiunta del chitarrista Lee Underwood e il giocatore di Congas Carter C.C. Collins. Altri musicisti di Lorca includevano David Friedman e John Balkin al basso. L'album ha uno strano mix di due stili di base che possono essere stimolanti e talvolta confusi.

Starsailor è una traccia fondamentale dell'album. Questo pezzo di otto minuti è una sequenza continua di vocali modulate e distorte che evoca un senso di vuoto e terrore. La canzone esplora gli angoli più oscuri della mente e una visione di sabbath di streghe interplanetarie. La traccia conclude una parabola allucinatoria che dimostra la padronanza di Buckleys del mestiere.

Durante la sua carriera, Buckley ha pubblicato un vasto corpus di canzoni, dal pop a rock. Ha un ricco repertorio di canzoni e una grande voce. Il suo album Happy Sad è stato un successo di culto e il suo primo album nel Regno Unito ha venduto sette milioni di copie nel suo primo mese. Mentre questo album è un risultato impressionante, non è il suo miglior lavoro. L'album di Halcins contiene una serie di canzoni degne di inclusione in una collezione Tim Buckley.

Donna zingara nel pomeriggio blu

Gypsy Woman è un ottimo esempio della canzone omonima dei generi e uno dei migliori Buckley, se non la sua migliore canzone. Combina l'enigmatico e il lirico in un avvincente climax. La canzone è un perfetto esempio dell'improvvisazione dei generi, che i Beatles hanno adottato per la prima volta nel 1968.

Con la voce di Tim Buckley, la canzone ha ritmi killer e un lamentoso Tim Buckley. Il contenuto lirico della canzone è coinvolgente e potente come la musica, e le armonie delle band sembrano notevolmente simili a quelle di Buckleys altri successi. La canzone presenta anche una chitarra acustica dal vivo.

Mentre l'intero album è ricco di materiale, gli album più forti sono i brani che risuonano con una qualità da sogno. L'album di debutto di Buckleys, Strange Feelin, presenta un lungo pezzo di basso acustico accompagnato da chitarra e pianoforte elettrico. La voce di Buckleys è fiduciosa, ma transitoria, e la trasforma in uno strumento musicale che sembra fuori dal mondo.

Allucinazioni su felice triste

Nonostante il fatto che l'album sia il più accessibile di tutti gli album di Buckleys, la traccia del titolo ha un tono leggermente più scuro rispetto al suo lavoro precedente. Oltre alla sua voce, l'album presenta i talenti di un nuovo gruppo di musicisti. David Friedman, un chitarrista, contribuisce con il suo suono unico su vibrazioni e bassi verticali. Friedman è ora con Weather Report e Wayne Shorter.

La traccia del titolo, Hallucinations, è una delle migliori opere di Buckleys. Non ha mai sembrato più evocativo o ipnotico. La sua voce si alza e si tuffa in un modo che affascina. Alla fine, questo è un album di pura magia. Buckley è ancora il cavaliere swashbuckling errante dei suoi giorni più giovani, ma le sue canzoni mostrano una maggiore maturità e accettazione della perdita.

La musica sulle allucinazioni è sia oscura che felice. La canzone di carnevale ipnotica crea un'atmosfera simile a un carnevale, mentre Pleasant Street possiede un alone di religiosità e fervente disperazione. Man mano che l'album avanza, Buckley rivendica il concetto di ritmo e fa passare il tempo in modo accelerato. Usa anche piatti e vibrazioni in un modo che dà all'album un vantaggio meditativo.

Allucinazioni sulla donna zingara

Le allucinazioni di Tim Buckley sono un classico degli anni '60. Un maestro di ginnastica vocale, è un capolavoro di 12 minuti che presenta Carter Collins ipnotizzante lavoro di Bongo. La ginnastica vocale di Buckleys ha influenzato molte band, tra cui Bono, che ha ammesso di essere attraversato una fase di Phil Spectorland mentre stava registrando questa canzone.

La versione originale di Tracce su Sefronia arrivò nel 1973 e Buckley in seguito registrò una serie di eccellenti versioni dal vivo per vari tour, tra cui un LP del 1990 intitolato Dream Letter: Live in Londra 1968. L'album presentava una band dal vivo che includeva Pentangles Danny Thompson su Upright Bass. Il risultato è stato un album di apocalissi sonori e musicali.

Il titolo delle canzoni è un omaggio a un marinaio e la sequenza di vocali distorte e modulate è un passaggio evocativo e potente di emozione. Questa traccia esplora le tratti più buie della mente, così come le streghe interplanetarie. La traccia finale, le allucinazioni evoca uno stato estatico.



Orlando Lanzini

Sono un editore musicale e un compositore: è tutto ciò che faccio e cerco di farlo al meglio. Su music-for-video.com offriamo una licenza musicale a vita per tutto il nostro catalogo (150 album). È incluso il pagamento una tantum, nessuna tariffa ricorrente per sempre, l'uso per tutti i media, in tutto il mondo, in perpetuo e BROADCAST. Il test completo è disponibile con un account gratuito.

📧Email | 📘 LinkedIn