Migliori Ladysmith Black Mambazo Musica africana nel 2022

Se stai cercando un assaggio di autentica musica africana, ti consigliamo di dare un'occhiata al leggendario ensemble vocale sudafricano, Ladysmith Black Mambazo. Conosciuto per il loro caratteristico stile di canto Isicathamiya, questo ensemble di Zulu è diventato per la prima volta alla fama quando sono stati presenti nel Record di Paul Simons Graceland. Nel corso degli anni hanno pubblicato oltre 50 dischi acclamati e la musica che producono è più potente e vibrante che mai.

Joseph Shabalalas Ladysmith Black Mambazo

Un documentario su Joseph Shabalalas Ladysmith Blackmbazo African Music Group ha vinto Emmy and Academy Awards. I gruppi la musica hanno ispirato le persone a unirsi e far sentire la loro voce e la sua popolarità è cresciuta. Il nome delle band derivava dal villaggio di Ladysmith, in Sudafrica, dove Shabalala è cresciuta. Il nome delle bande rifletteva le sue origini africane: il colore nero simboleggiava gli animali più forti della fattoria, mentre la parola Mambazo proveniva dalla lingua di Zulu e significava l'ascia in inglese. Il gruppo iniziò a esibirsi nel 1970 e alla fine fu firmato per un contratto di registrazione.

Il nome di questo gruppo proviene dalla città di Ladysmith, in Sudafrica, dove Shabalala è cresciuta. Nella sua tarda adolescenza, si trasferì nella vicina città di Durban. Ha iniziato a cantare con un gruppo Zulu Isicathamiya, gli Highlander. Quando compiò 30 anni nel 1977, tornò nella sua città natale e formò Ladysmith Black Mambazo. Il nome proviene da Zulu e significa ascia in inglese.

L'eredità di Shabalalas risale alla fine del diciannovesimo secolo. La città natale della sua famiglia era Ladysmith a KwaZulu-Natal, che è il nome del suo paese. La sua musica combina la canzone indigena di Zulu con la tradizione a cappella conosciuta come Isicathamiya. La canzone è spesso accompagnata da una danza morbida. Il nome Mambazo, che significa Ax, proviene da Ladysmith, in Sudafrica, e simboleggia la capacità dei gruppi di sconfiggere la competizione.

La musica di Joseph Shabalalas Ladysmith Blackmbazo è ancora popolare, decenni dopo il primo gruppo. È stata una parte fondamentale della divulgazione della musica tradizionale di Zulu in tutto il mondo e le loro canzoni le hanno guadagnate Grammy. Tuttavia, il gruppo è stato costretto a smettere di andare in tournée nel 2014 e Joseph Shabala è morto nel febbraio 2020. L'eredità delle band continua a prosperare, con l'aiuto dei suoi quattro figli e nipote.

I gruppi tenore/alto/bass armonie

Joseph Shabalala, un ex politico ANC, formò Ladysmith Black Mambazo nel 1964 dopo aver ascoltato le armonie di Isicathamiya nei suoi sogni. Il coro ha presto trovato successo negli eventi locali e ha iniziato a partecipare alle competizioni. All'inizio degli anni '70, aveva già cantato insieme. Nel 1973, pubblicò il suo primo album, Amabutho. Da allora il gruppo ha guadagnato la certificazione Gold Disc per diversi album.

Nelson Mandela aveva un affetto speciale per Ladysmith Black Mambazo. Ha portato il gruppo alla sua inaugurazione e successivamente a Oslo, dove ha ricevuto il premio Nobel per la pace. Mandela ha anche proclamato gli ambasciatori culturali del Sudafrica nel mondo. La popolarità delle band era tale da fare tournée per il mondo, esibendosi per la regina d'Inghilterra, Papa Giovanni Paolo II e altri dignitari.

Joseph Shabalala formò Ladysmith nel 1964 con l'obiettivo di combinare Isicathamiya, uno stile sudafricano di canto che si sviluppava nelle miniere dell'apartheid. Il gruppo è noto per le sue esibizioni altamente scritte, che presentano introduzioni di canzoni, abbinando abiti e organizzati trafficati tra i cantanti. Sono anche noti per le loro voci straordinarie, che sono state paragonate a quelle dei cantanti d'opera.

Il gruppo Mambazo Black Ladysmith è l'ensemble vocale di maggior successo del Sudafrica. Il gruppo si esibisce regolarmente allo Strathmore Theater esaurito. La musica è anche spesso caratterizzata da un messaggio di armonia, pace e amore. La musica di Ladysmiths è un linguaggio universale, che trasmette un messaggio di unità e armonia che può ispirare e unire un popolo.

Le sue connotazioni politiche in Sudafrica

Il gruppo musicale Ladysmith Black Mambazo è emerso nei primi anni '60. A differenza del Rock Gangster degli anni '80 che era la norma durante l'apartheid, questo gruppo di artisti neri non aveva connotazioni politiche, ma le loro canzoni erano edificanti e incontaminate. Il gruppo ha adattato lo stile isicathamiya di cantare dalle tradizioni di Zulu. Questa musica era originariamente cantata dai minatori di diamanti neri del XIX secolo per sollevare il morale. Il termine Isicathamiya si traduce vagamente in ragazzi di punta. Il gruppo cantato in questo modo per unire le persone e unire la comunità.

Lo stile dei gruppi ha subito alcuni cambiamenti sin dal suo inizio. Sebbene alcune delle loro canzoni siano cantate in inglese, la maggior parte di esse è rimasta nella lingua di Zulu. Ci sono due canzoni inglesi su ogni album del gruppo. Ladysmith Black Mambazo non è l'unico coro Zulu, ma è uno dei gruppi vocali più venduti in Sudafrica.



Mirko Lagonegro

Un veterano di 35 anni di trasmissioni radiofoniche e televisive con profonde basi nello sviluppo e nella gestione di marchi di media che ora lavorano nell'audio digitale. Oggi sono un Business Development Manager e mi occupo di musica, eventi e intrattenimento. Grazie alla mia esperienza nell'industria musicale e creativa, sono in grado di combinare la conoscenza per i contenuti con il pensiero critico e analitico. Studio sempre le migliori pratiche di gestione e marketing per ampliare le mie conoscenze e competenze.

📧Email | 📘 LinkedIn