Migliori Fusion & Jazz Funk nel 2022

Album Fusion & Jazz Funk

Se ti piace Fusion, probabilmente hai ascoltato almeno alcune di queste canzoni. Ad esempio, il primo album di The Yellowjackets è considerato uno dei migliori album del genere. Le composizioni dell'album, come Sittin in esso e The Hornet, rimangono alcuni dei loro più popolari. I membri delle band sono Russel Ferrante e Jimmy Haslip. Tommy Lipuma ha prodotto questo album.

Nite Sprite di Wayne Shorter

Nite Sprite del pianista di Detroit Wayne Shorter è una composizione jazz psichedelica pubblicata su Elpee nel 1976. È stato ristampato in Giappone, nel Regno Unito e negli Stati Uniti in Polydor Records. L'LP ha raggiunto le classifiche statunitensi e il grafico R&B, dove ha raggiunto il picco al numero 32 sul Billboard Hot 100. L'LP è stato anche riemesso in Giappone il 18MJ-9004 il 12 ottobre 1993.

L'album presenta un ensemble stellare di musicisti tra cui Hubert Laws, Tenor Saxophone, Flugelhorn e Piccolo. Presenta anche Chick Corea, Randy Brecker e Thomas Mitchell. Sono anche presenti Chick Corea, David Pomeranz e Amos Hoffman alle percussioni. È la miscela perfetta di jazz e fusione, ed è altamente raccomandato.

Torna da Scott-Herron

Torna da Scott-Heron è una pista funk fusion e jazz con un messaggio incredibilmente politico. La traccia è stata scritta dal defunto poeta e musicista americano, che aveva solo 19 anni quando ha pubblicato il suo primo album nel 1969. È stato ispirato dalle rivolte nell'America della città interna, dalla guerra del Vietnam e dalla soppressione della rabbia degli studenti da parte dei militari. Scott-Herron ha mescolato jazz e poesia per affrontare una varietà di questioni, tra cui l'ingiustizia razziale e politica.

La canzone fa parte dell'album Winter in America, che è stato pubblicato sulla leggendaria etichetta jazz indipendente Strata-East nel 1994. Questo album è stato influente nei generi Neo Soul e Hip-Hop e la sua attenzione ai problemi sociali della comunità afro-americana negli anni '70 è stata echeggiata nella canzone. La traccia incorpora jazz, ritmo e blues, parola parlata e suoni africani per creare un suono unico che fa appello ai fan della musica hip-hop e fusion.

I testi di Get Back di Gil Scott-Heron sono una miscela perfetta di musica jazz e soul. I testi di Scott-Herrons erano spesso satirici e politici e sono una parte vitale della pista. Mentre è importante notare che la traccia è stata realizzata con l'aiuto di una band funk, è anche un ottimo esempio di Fusion e Jazz Funk.

Torna indietro da Esperanza Spalding

L'album D-Plus Evolution dal pioniere del jazz Funk Esperanza Spalding presenta molte tracce che sfidano facilmente la categorizzazione. La discografia precedente di Spaldings aveva elementi di jazz, fusione e afrobeat, ma quest'ultima uscita si trova a cavallo tra questi generi. È interessante notare che Spalding esegue tutti gli strumenti di questo album, incluso il basso - ed è difficile dire che è lo strumento più impressionante.

Il giovane bassista Esperanza Spalding è nato il 18 ottobre 1984 e ha vinto numerosi premi, tra cui cinque Grammy. Nel 2011, ha battuto la superstar pop Justin Bieber e la superstar funk soul-jazz Drake. La sua vittoria è particolarmente impressionante perché era una parente sconosciuta quando è stata nominata per il Grammy. Ha anche un grande afro e un sorriso contagioso.

Non sorprende che i Grammy abbiano riconosciuto Spalding come il miglior nuovo artista del genere jazz quell'anno. Anche prima dei Grammy, era relativamente sconosciuta al di fuori dei circoli jazz. Tuttavia, la sua reinterpretazione di Gershwins ma non per me esplora il linguaggio mutevole e i suoi effetti su un ditty sciovinista. Questa canzone è anche una dichiarazione femminista in quanto sfida il sentimento sciovinista dietro la canzone da una prospettiva più ecologica.

Questa traccia Fusion & Jazz Funk è stata originariamente registrata da Spalding per la sua etichetta Heads Up. Questa traccia è stata registrata alla fine del 2007 e presenta un coro di voci femminili accompagnate dal piano di Leo Genoveses. Altre tracce dell'album includono una traccia di Milton Nascimento, lo Know You Know e un certo numero di canzoni che coinvolgono Spalings Bass.

Funk the Fear di Esperanza Spalding

Funk the Fear di Esperanza Spalding è una delle mie canzoni jazz preferite. L'ho ripetuto nelle ultime settimane ed è diventato uno dei miei preferiti di tutti i tempi. Penso che abbia uno stile molto distintivo e adoro il modo in cui è scritto ed eseguito da Esperanza Spalding. Siamo davvero fortunati ad averla sulla scena e consiglio vivamente questo album.

Nonostante la sua giovane età, Esperanza insegna a Berklee da quando aveva 20 anni. Ora ha pubblicato il suo quinto album solista Funk the Fear ed è un promemoria del motivo per cui sono stato attratto dal jazz. La chitarra elettrica, la batteria e la voce di Esperanza Spaldings sono tutte così assolutamente accattivanti e l'atmosfera generale del disco è molto positiva.

Torna indietro da Jelly Roll Morton

Uno dei record più importanti di un pioniere di New Orleans è la traccia FUSTION & JAZZ Funk torna indietro da Jelly Roll Morton. Questa traccia presenta strumenti jazz e funk mescolati con ragtime. Morton, che affermava di aver inventato il jazz, era un personaggio più grande della vita. Ha iniziato a suonare Ragtime negli anni '10 e presto ha trovato il suo modo di Jazz, registrando diverse tracce classiche tra cui Go Back e King Porter Stomp.

Torna indietro è un esempio di questo tipo di musica, poiché è stato creato da un pianista che voleva infrangere le regole del rock tradizionale. Morton suonava anche assoli per pianoforte, come il morbido King Porter Stomp e Tom Cat Blues. Altri pezzi di questa traccia presentano corni, come Blues Blues e Blues sul marciapiede, che parla di un musicista di strada di nome Johnny St Cyr.

L'aura prevarrà da Herbie Hancock

L'Aura prevarrà, un classico album jazz del 1975, è stato composto da Herbie Hancock e George Duke, due tastieristi che hanno affinato i loro talenti negli anni '60. Usando sintetizzatori analogici e pianoforti elettrici, creano scenari sonori abbaglianti, mescolando jazz, latino (brasiliano) e sintetizzatori di canto soul. Il risultato è un album straordinario e senza tempo che è essenziale per qualsiasi collezione di amanti della musica.

Il titolo degli album proviene da una frase Herbie una volta Misheard, che attribuisce al leggendario pianista jazz. Il suo talento improvvisato e il talento per la fusione dei generi gli hanno guadagnato oltre una dozzina di premi Grammy. In effetti, è presidente dell'Herbie Hancock Institute of Jazz. L'album è una magistrale vetrina di talenti musicali di Hancocks e affascinerà i fan del jazz per gli anni a venire.



Giulio Fasano

Negli ultimi 25 anni ho lavorato nel mondo della musica e della televisione con diversi ruoli e responsabilità, (Grandi case discografiche, gestione di band, gestione di tour, una piattaforma per il karaoke, brokeraggio di diritti TV), ho creato la mia società di consulenza musicale e ho sono anche un orgoglioso partner di un marchio di moda.

📧Email | 📘 LinkedIn | 🐦 Twitter