Migliori Dancehall Reggae nel 2022

Dancehall Reggae - La voce della gente

La musica di Dancehall Reggae è nata in Giamaica negli anni '70 ed è spesso descritta come la voce della gente. I suoi toni dei bassi profondi e i toni del doppiaggio sono stati progettati per creare un suono distintivo per la danza. Le famose canzoni di dancehall hanno affrontato questioni come Gang Warfare e le sfide della vita quotidiana. I testi sono spesso sessualmente suggestivi e sono stati controversi criticati per promuovere la violenza armata e temi anti-gay.

Dancehall come genere

Dancehall è un sottogenere di reggae e il padre di alcuni altri generi. Dancehall è molto noto per la sua stella crossover, Sean Paul, e per aver influenzato altri generi come Afrobeats, un suono nigeriano che ha influenzato i successi di Drakes. Ha anche una forte influenza su tamburi e bassi, un genere frenetico che combina elementi di musica dance e ritmi elettronici.

La musica dancehall è nata in Giamaica alla fine degli anni '70. È iniziato come una forma più scarsa di reggae rispetto allo stile delle radici che ha dominato gli anni '70. A metà degli anni '80, gli strumenti digitali cambiano il suono di Dancehall e il genere è ora noto come Ragga. Questo tipo di musica è caratterizzato da ritmi veloci, strumenti e uso di Patois giamaicani.

La musica reggae ha un modello di ritmo simmetrico che impedisce l'uso di altre firme temporali. Tende anche ad essere molto semplice armonicamente, con intere canzoni costituite da solo uno o due accordi. Un esempio classico è Bob Marley e l'esodo Wailers, che è quasi interamente composto da accordi A-minori. Tuttavia, la musica dancehall si è evoluta in crudi riflessi del conflitto e dell'oppressione sociale, e non si basa solo sulla vita dei gangster.

La Giamaica ospita alcuni degli artisti reggae più popolari del mondo, tra cui Damian Jr. Gong Marley e Chonixx. Molte persone in Giamaica sono attratte dalla musica dancehall e il suo fascino è evidente nella loro popolarità. Il genere è diventato popolare in altri paesi in tutto il mondo. Entrambi hanno avuto origine dalla Giamaica e hanno un patrimonio comune. Dancehall è un'estensione del reggae che è cresciuta da questo stile unico.

Dancehall come stile di vita

Mentre molte persone possono associare la Giamaica alla sessualità e alla volgarità, questo genere di musica è un riflesso della società. Mentre la dancehall giamaicana spesso si oppone ai reggae degli anni '70, molti DJ Dancehall detengono anche diverse visioni del mondo. I rastafariani adorano l'Etiopia, che è al centro della musica reggae e della fede rastafaria. La importanza dell'Etiopia nel genere reggae è in gran parte dovuta all'ascesa dell'imperatore Haile Selassie.

All'inizio degli anni '80, la scena Dancehall iniziò a evolversi da un luogo locale a un genere musicale, grazie all'invenzione delle tecniche di registrazione digitale. Mentre il suono della musica dancehall continuava a dominare gli anni '80, era uno stile di vita per i giamaicani. La gamma eclettica di generi di artisti e mosse di danza lo ha presto reso una cultura popolare in tutto il mondo. Oggi, la musica dancehall è diventata una forza importante nella cultura popolare, ispirando innumerevoli turisti a viaggiare in Giamaica per imparare l'arte della danza.

Molti osservatori considerano la dancehall come una strategia di sopravvivenza e una sorta di macchina da guerra. Nonostante il suo potenziale commerciale, Dancehall potrebbe anche essere una strategia di sopravvivenza. I generi impulsi creativi sono subliminati in un regno artistico, permettendogli di persistere nonostante il suo brutale ambiente sociale ed economico. Di conseguenza, la sopravvivenza dancehalls potrebbe essere più importante dello sviluppo economico dei suoi membri.

La musica dancehall ha una storia di sviluppo parallelo. Autotune, ad esempio, è stato usato per la prima volta a Dancehall e recentemente si è fatta strada nel rap. Questi due generi sono ora strettamente correlati tra loro e molte di queste tattiche rappresentano un cambiamento fondamentale nell'economia musicale americana. Il rap ha anche iniziato a prendere in prestito dancehalls udibili ai significanti di clamore, tra cui riavvolgimenti, airhorn e esplosioni.

Dancehall come una nuova ondata di suoni

Mentre è facile vedere l'attuale generazione di artisti dancehall che oscurano i generi primi pionieri, il genere ha effettivamente avuto una lunga storia di influenza sulla musica pop. All'inizio degli anni 2000, cantanti come Sean Paul e Rihanna hanno usato Dancehall come piattaforma per entrare nella musica tradizionale. Tuttavia, i critici hanno criticato questi nuovi artisti per appropriarsi di suoni caraibici e per il loro uso del gergo caraibico nelle loro canzoni. Tuttavia, artisti come Drake, Popcaan, Spice e Koffee hanno continuato a toccare le radici musicali di Dancehalls.

Indipendentemente dall'origine dei generi, il nuovo suono di Dancehall ha completamente cambiato il modo in cui il mondo sente la musica. Il genere è così versatile che molti artisti collaborano su una pista dancehall, mentre tentano di emulare la musicalità unica dei suoni. Artisti come Damian Jr. Gong Marley, Beenie Man e Mavado hanno contribuito tutti alla rinascita dei generi.

Il suono di dancehall si è evoluto dalle radici del reggae mentre i cantanti iniziarono a usare una vasta gamma di strumenti ed effetti. Qualche anno dopo, è emerso un nuovo sottogenere chiamato Digital, con canzoni come Under Me che hanno segnato enormi successi. Altri nomi di spicco dei primi anni '90 includevano i ranghi di Shabba e Bounty Killer. Buju Banton e Mavado hanno promosso un comportamento maleducato, tra cui l'uso di marijuana e la lentezza. In risposta, altri artisti dancehall hanno adottato il linguaggio di Calypso per creare uno stile ibrido di canto.

Oltre a Deejays, molti altri artisti hanno usato Riddims. Wayne Smith ne ha usato uno nella sua canzone sotto di me Sleng Teng che ha alimentato una dozzina di canzoni originali. Alla fine degli anni '60, Wayne Smiths Real Rock è apparso in oltre 250 canzoni. Riddim Reuse è una lunga storia a Dancehall. Risale alle sue origini, ma la cultura del genere ha continuato a evolversi.

Dancehall come cultura della sessualità senza paura

Il genere di Dancehall Reggae continua a promuovere la vita sessuale femminile lionizzando il loro desiderio e capacità. Tuttavia, il genere è anche problematico, in quanto perpetua un doppio standard in termini di ruoli di genere. Mentre gli uomini cantano spesso canzoni sul sesso orale, le donne sono in genere viste come compagni e custodi degli uomini. Di conseguenza, è importante considerare il più ampio contesto culturale di questo genere quando si considera il suo impatto sulla sessualità.

Dancehall Reggae ha una storia complessa e molti studiosi e critici hanno tentato di comprendere l'eredità culturale dei generi. Dancehall Reggae è radicato nella spiritualità della Giamaica, ma è diventato sempre più commerciale e cinico di natura. Promuove il consumismo e le manifestazioni esterne di ricchezza svalutando contemporaneamente corpi neri. In questa luce, Dancehall ha una storia particolare ed è uno dei generi musicali più popolari al mondo.

Man mano che il genere cresceva in popolarità nelle Indie occidentali, la sua sovversione delle strutture di rispettabilità coloniale fu sfidata. Di conseguenza, Dancehall alla fine divenne una parte mercificata e iper-sessualizzata della cultura pop globale. Eppure Dancehall mantiene una guarigione emancipatoria per le donne delle Indie occidentali, rivendicando spazi reggae dominati dagli uomini per esprimersi in modi che riflettono la loro identità e sessualità.

Oltre a ballare con una sessualità senza paura, Dancehall ha anche un lato volgare. La sessualità del genere è spesso celebrata nei suoi testi. I testi contengono spesso allusioni e doppie importanti, nonché il sesso dell'epoca. E i testi sono spesso molto espliciti e rischiosi. Nonostante la volgarità del genere, è ancora considerata una parte importante della cultura reggae.

Dancehall come cultura dell'innovazione

La proliferazione della tecnologia digitale ha anche permesso ai nuovi artisti di commercializzare la loro musica. Mentre i formati tradizionali di auto-distribuzione sono difficili da mantenere, il Web ha permesso ai nuovi artisti di raggiungere i consumatori specializzati con le loro canzoni. Questi nuovi artisti stanno creando specchi informali e virtuali delle reti mamme e pop che una volta collegavano piccole etichette discografiche con negozi di dischi, videomeni e collezionisti.



Federico Rasetti

Sono un professionista con più di 15 anni di esperienza nel settore culturale e dello spettacolo. La laurea scientifica mi ha dato una forte attitudine a un approccio metodico al lavoro per raggiungere risultati e la mia esperienza lavorativa negli entusiasmanti campi della cultura e dello spettacolo mi ha aiutato a sviluppare un approccio creativo alla risoluzione dei problemi. Grazie all'attitudine a gestire team e collaborare con loro ho raggiunto importanti traguardi nella mia carriera partendo da ruoli più tecnici per arrivare a quelli più manageriali. Affronto sempre nuove sfide con entusiasmo e grande motivazione.

📧Email | 📘 LinkedIn