Migliori Compilation Musica Doo-Wop nel 2022

Compilazione musicale doo-wop

Questo articolo esplora le origini della musica doo-wop e come si è evoluto da pop, jazz e blues. Scoprirai come la musica enfatizza le parole e il ritmo, ha usato progressioni a quattro casse ed è ristampato su album di compilazione dei vecchi. Potresti essere sorpreso di apprendere che una raccolta musicale doo-wop è un modo moderno per ascoltare le canzoni di questa era.

La musica doo-wop si è evoluta da pop, jazz e blues

La musica doo-wop è un primo genere americano di musica vocale che ha unito le influenze jazz e pop. La musica presentava gruppi vocali che cantavano sillabe semplici e senza senso su un semplice ritmo. Nei suoi primi anni, la musica doo-wop era dominata dalla chitarra acustica e da un singolo tamburo. Ma mentre il genere si è evoluto, gli strumenti hanno iniziato a recitare ruoli più grandi. Gli strumenti includevano il doppio basso, il sassofono, la chitarra elettrica e persino un'intera orchestra.

Le radici della musica doo-wop possono essere fatte risalire agli anni '20. Ha avuto origine nell'area di Filadelfia e ha avuto un impatto su altri stili musicali americani. È stato riprodotto su programmi radiofonici di Oldies e incorporato nei film per ricreare gli anni '50. L'area di Filadelfia era una parte fondamentale dello sviluppo e della divulgazione del doo-wop. La sua eredità musicale è molto diffusa oggi, con molti artisti che contribuiscono al suo successo.

La musica doo-wop è iniziata come un angolo di strada cantando da afro-americani e dilettanti italiani. Molti di questi cantanti sono stati influenzati dai punti di inchiostro e hanno iniziato a formare i loro gruppi. Questi gruppi erano più vocali e posto enfasi sul ritmo e sulle parole sull'armonia. I suoi primi artisti spesso cantavano in una vasta gamma, che si prestava ad armonie.

La musica doo-wop iniziò a guadagnare popolarità negli anni '50 nelle comunità prevalentemente afroamericane. Gruppi popolari come i domino e i piatti hanno fatto i loro nomi nelle strade della città. Mentre la musica doo-wop si diffuse attraverso le linee razziali nelle aree urbane americane, influiva su entrambe le razze. I Del-Vikings, ad esempio, erano composti da cantanti in bianco e nero. A Pittsburgh, i Dell-Vikings hanno influenzato i gruppi sia razziali che bianchi.

Enfatizza rhtythm e parole

La musica doo-wop è uno stile di musica vocale che era popolare negli anni '50 e '60. Presenta un cantante di tenore come protagonista, mentre un quartetto o un trio cantavano armonie di fondo. L'enfasi sulle parole e sulla rima ha aiutato il genere a guadagnare popolarità e lo stile alla fine si è diffusa oltre le comunità afroamericane ad altre culture. Molte comunità afroamericane abbracciarono la musica doo-wop.

Il suono della musica doo-wop si è evoluto da blues, jazz e pop. La sua influenza sulle successive innovazioni musicali è ampiamente riconosciuta. I quattro assi, un gruppo pop tradizionale completamente bianco, registrarono una versione proto-doo di Heart and Soul nel 1952. Presentava una semplice armonia e rima. La canzone dei quattro assi era stata popolare prima che la mania del doo-wop guadagnasse slancio.

Utilizza progressioni a quattro casse

Uno degli stili più iconici del doo-wop era il suono del coro da tre a quattro parti, che usava armonie strette. Ha anche introdotto l'idea di musica divertente, privo dell'elemento di lode che molte canzoni gospel avevano. Questo stile si basava su semplici progressioni di accordi, come I-VI-IV-V. Era anche molto popolare negli anni '50 e nei primi anni '60.

La principale progressione degli accordi del doo-wop è il modello I-VI-IV-V. Ciò significa che le canzoni degli anni '50 verranno suonate usando questo schema. La canzone più comune in questo stile è il castello di Eureeka. Questa versione presenta anche un segmento chiamato Tasto di avvolgimento. Un altro esempio di questo stile sono i Fishtones, un gruppo di statue di canto. Questa canzone presenta anche una progressione che utilizza l'accordo C-Am-F-G. La versione arcade del gioco leggendario del gioco utilizza anche uno stile simile di progressione degli accordi.

Al contrario, una raccolta musicale doo-wop che presenta canzoni degli anni '50 spesso impiega questo tipo di progressione degli accordi. Canzoni come Born This Way e Gloria usano D-C-G-A-F# sono esempi comuni. Mentre la sequenza di accordi D-C-G-G-G-A-F# può sembrare piatta e monotona, la sequenza di accordi E-D-A non è difficile da giocare.

Le canzoni del doo-wop sono spesso composte con due accordi in ogni sezione. Il coro contiene quattro accordi e il verso ne usa tre. Gli accordi in ogni sezione sono gli stessi del coro, ma in un ordine inverso. Una canzone scritta da Gene Chandler, Duke of Earl, ad esempio, usa accordi a quattro code. Questa struttura di accordi è comune nella musica doo-wop ed era popolare negli anni '50 e '60.

È ristampato su album di compilation oldies

Il genere musicale doo-wop ha spazzato la nazione negli anni '50. Artisti come Nicky Addeo, Teddy Randazzo e The Four Tops hanno creato canzoni di successo che hanno affascinato gli ascoltatori in tutto il paese. Le registrazioni di questa compilazione includono canzoni che erano popolari durante questo periodo, tra cui Tomorrows Dreams, Soul Spin e molti altri. Molte delle canzoni sono ristampe di versioni precedenti.

I primi giorni della musica doo-wop iniziarono alla fine degli anni '40, con l'ascesa dell'angolo di strada che canta di neri dilettanti. Questo nuovo genere è stato ispirato da gruppi come i punti di inchiostro e presentava ampie gamme vocali. L'enfasi era sui testi e sul ritmo, riducendo l'armonia e concentrandosi su un coro. Le canzoni erano popolari durante il loro breve regno, ma alla fine non era così popolare come una volta.

Era popolare nelle comunità prevalentemente afroamericane

Doo-wop è uno stile di musica popolare afro-americana, basata su Vangelo e Jazz. Questo genere musicale è cresciuto da una varietà di stili precedenti, tra cui Vangelo e Pop. È spesso classificato come un genere di musica soul. La sua popolarità è salita negli anni '50 a causa del suo forte fascino nelle comunità prevalentemente afroamericane.

Il genere musicale era modellato dalla cultura dell'epoca. Negli anni '50 Filadelfia, il risveglio del doo-wop ha dato origine a molte raccolte di doo-wop. Nel 1967, Philadelphias Parkway Records e Cameo Records hanno raccolto la canzone Silhouettes dal gruppo locale The Rays. Questa canzone ha continuato a raggiungere le prime cinque posizioni del grafico nei best seller R&B, le vendite e le classifiche airplay, rendendolo i raggi solo top-40.

Oltre alla musica soul, la musica doo-wop è stata influenzata dal Vangelo. La musica gospel, che ha un forte ritmo oscillante, è emersa dalle canzoni di lavoro nere negli Stati Uniti meridionali negli anni '40. Le armonie sottostanti nella musica gospel sono distintive e potenti. È stato il primo genere a sostituire la musica da razza come nome per le registrazioni afro-americane.

Le canzoni originali della regione di Tidewater meridionale si chiamavano Ring Shouts. La canzone usa ritmo e canti africani e il movimento mescolante dei cantanti ricorda il culto tradizionale della chiesa. Alcune di queste canzoni sono sopravvissute attraverso la tradizione orale. Ad esempio, in quel grande alzare la mattina è stato raccolto da uno studente all'Hampton Institute in Virginia che lo ha appreso da suo zio.

Il Civil Rights Act del 1964 ha messo fuori legge le principali forme di discriminazione nei confronti degli afroamericani. Di conseguenza, più artisti afro-americani hanno iniziato ad attraversare la cultura tradizionale. Musicisti come Aretha Franklin, James Brown ed Ella Fitzgerald hanno avuto successo nel stabilirsi come icone pop. Molti altri artisti afroamericani, come Leontyne Price, alla fine hanno raggiunto il successo tradizionale.



Graziano Capponago

Giornalista professionista dal 1999. Profondo conoscitore della Svizzera (posso vantarmi di essere stato in tutti i 26 cantoni) affronto con entusiasmo la sfida, Magazine online dedicato alla cultura, alle tradizioni e ai viaggi nella Confederazione elvetica. Ho iniziato la carriera come giornalista sportivo in una radio locale di Cologno Monzese occupandomi di rugby, sport che pratico tuttora. Laureato in lingue nordiche, ho cominciato a scrivere di viaggi per l’allora Gente Viaggi con un articolo su un’isoletta della Danimarca per poi iniziare a collaborare con diverse altre testate. Ho lavorato anche in RAI a Milano, per due anni, al TG3 dove mi sono occupato di cronaca e a RAI Sport Sat.

📧Email | 📘 LinkedIn