Migliori Birgit Nilsson Soprano nel 2022

Birgit Nilsson - Il soprano svedese

Il famoso soprano svedese, Birgit Nilsson, ha cantato tutti i ruoli principali nelle opere di Wagner e ha registrato ognuno di essi. Una donna grande e schietta con un malvagio senso dell'umorismo, era non pentita come i ruoli che ha svolto. Ha incarnato la diva operistica e un modello di ruolo per le donne di tutto il mondo. Durante una recente intervista con l'Associated Press, ha rivelato il suo segreto per avere successo: scarpe comode. Una volta ha anche lasciato un cartello non disturbato sotto la pettorale durante una produzione di Siegfried.

Birgit Nilsson era un soprano svedese

Alla fine degli anni '50 e all'inizio degli anni '70, Birgit Nilsson era il volto dell'opera. La sua voce impennata e l'arguzia irriverente l'hanno resa la ragazza poster per i cliché dell'opera. Ma non era solo una bella faccia. Era anche una formidabile performer. Questo documentario celebra la sua illustre carriera. Diamo un'occhiata più da vicino.

Mentre la sua carriera non si limitava al ciclo dell'anello, ebbe ugualmente successo a Strausss Elektra e all'Opera Turandot. Mentre è conosciuta soprattutto per la sua esibizione come Brunnhilde nel Ring des Nibelungen, ha anche recitato in un'ampia varietà di ruoli. La sua carriera includeva anche ruoli in Tristan und Isolde, Turandot e Lady Macbeth. Il suo mandato con la Metropolitan Opera ha portato alla creazione della Birgit Nilsson Foundation. La sua morte nel 2005 ha lasciato suo marito e i suoi figli.

Nato a Stoccolma nel 1931, Birgit Nilsson si esibiva per la prima volta alla Royal Swedish Opera a metà degli anni '20. Il ruolo è stato un successo inaspettato e ha guadagnato fama nazionale. Ha continuato a cantare in alcune delle più grandi case d'opera del mondo, tra cui l'Opera Metropolitan e il Covent Garden. Le sue esibizioni in questi prestigiosi luoghi hanno spinto una medaglia d'oro nei più alti premi per i cittadini.

Sebbene la sua carriera sia iniziata negli anni '40, Nilsson non ha lasciato il suo lavoro quotidiano alla Royal Swedish Opera. Nel 1946, fece il suo debutto nel Giardino di Covent. Nel 1951, si esibì al Glyndebourne Festival. Fu anche la prima a esibirsi in Turandot al Bayreuth Festival, e nel 1958 portò l'opera a Milano per cantare il ruolo da protagonista nella produzione italiana di Madame Butterfly.

Ha cantato tutti i ruoli principali di Wagners

Il leggendario soprano svedese è nato cinque giorni prima del compleanno di Wagners e ha studiato alla Royal Academy of Music di Stoccolma. Da ragazza, ha cantato praticamente ogni ruolo importante nelle opere di Wagners. Ha iniziato a esibirsi professionalmente nel 1954 a Vienna e ha continuato a debuttare americano all'Hollywood Bowl. Nel 1957, cantò Ring a Londra. Più tardi, ha fatto il suo leggendario debutto nel 1959.

La carriera di Nilssons è iniziata come cantante infantile nei cori della chiesa. Ha studiato voce con Ragnar Blennow a Bastad e con Arne Sunnegardh a Stoccolma. Nel 1952, Nilsson fece il suo debutto operistico alla Lyric Opera di Chicago come Brunnhilde a Wagners The Ring. Nel 1957, fece il suo debutto in Opera metropolitana di New York come Isotta a Tristan und Isotta. Il suo debutto in Opera metropolitana ha fatto la prima pagina del New York Times ed è stata salutata come una soprano Wagnerian.

La sua carriera come cantante d'opera ha continuato a sbocciare. Nel 1953, fece il suo debutto a Bayreuth come Elsa, poi continuò a cantare Sieglinde alla Vienna State Opera. Nel 1954, fece il suo debutto nel Giardino di Covent come Brunnhilde, seguito da un ciclo ad anello completo alle opere di Monaco e Parigi. Alla fine della sua carriera, Nielsen era già diventato uno dei cantanti d'opera più venduti della storia.

Sebbene si sia concentrata principalmente sui ruoli di Wagner, Nilsson ha anche avuto una lunga carriera come soprano classico. Si è esibita nella voce migliore per oltre 40 anni ed è stata regolare al festival di Bayreuth. Aveva una voce bella e versatile ed era ampiamente acclamata. Ha dedicato la sua carriera a questo ciclo e ha fatto un tour in tutta Europa e nel mondo.

Era una donna grande e schietta con un malvagio senso dell'umorismo

Conosciuta come la regina svedese, Birgit Nilsson fece il suo debutto alla Royal Opera di Stoccolma nel 1946, sostituendo l'Agathe programmata a Webers Freischutz. Era una grande star di quella produzione, rivendicando il ruolo di Lady Macbeth. Dal 1947 al 1971, ha recitato in molte opere, tra cui Mozart e Strauss. Oltre al suo repertorio svedese, ha recitato in molti musical, tra cui Mozart e Strauss.

Mentre era una Wagnerian, era tutt'altro che tradizionale. Le sue note alte assomigliavano a Ethel Mermans. Un singolo alto C in una delle sue esibizioni di Turandot ha portato a un allarme antincendio nell'arena all'aperto di Verona. Era così popolare con il pubblico che i Mets Leonie Rysanek hanno rifiutato di seguirla fino a quando non poteva cantarlo nel suo stile.

Ha registrato tutti i suoi ruoli principali

Il soprano svedese Birgit Nielsen ha registrato tutti i suoi ruoli principali. Nonostante la sua giovane età, ha già superato l'età media per i cantanti d'opera negli Stati Uniti. Era un'artista versatile che eccelleva nelle opere Verdi, Strauss e Wagner. La sua versatilità le è valsa il titolo di Madre Teresa e Madre Goose.

Alla sua nascita, Birgit Nilsson era già una leggenda per gli amanti del grande repertorio romantico. La sua enorme voce eroica in Wagner, Richard Strauss e Verdis ottennero il suo plauso. La sua carriera discografica ha continuato a crescere, nonostante il riemergere di altri rinomati drammatici soprani. Negli anni '60, si è esibita con la Royal Opera svedese e la controversa nuova produzione di UN Ballo in Maschera di Goran Gentele. Più tardi, ha fatto il suo debutto metropolitano come Isotta, in cui si è allentata per acclamare.

La carriera di Nilssons era meteorica, con numerose registrazioni nel repertorio. Si è esibita nelle case d'opera più prestigiose del mondo, tra cui il Metropolitan Opera e il Covent Garden. La sua carriera ha continuato a crescere, anche quando il suo connazionale Leonie Rysanek ha rifiutato di seguirla. Le sue registrazioni sono essenziali per la storia dell'opera. Ma l'eredità di questo leggendario soprano durerà ben oltre il suo tempo.

Sebbene Nilsson fosse vietato di esibirsi negli Stati Uniti negli anni '70, rimase popolare sul palcoscenico europeo. Nel 1977, Nilsson pubblicò la sua autobiografia Mina Minnesbider, che fu tradotta in inglese nel 1984. Nilsson iniziò a insegnare le classi master in Germania e negli Stati Uniti nel 1980 e continuò a esibirsi fino al suo centenario concerto nel 1996. Se sei interessato ad ascoltare i ruoli più memorabili di Nilssons, vale sicuramente la pena dare un'occhiata.

Aveva una faida con il direttore Herbert von Karajan

Un recente documentario rivela che Birgit Nielsen, un soprano tedesco specializzato nell'opera Wagnerian, aveva una faida amara con il direttore filharmonico di Berlino Herbert von Karajan. Alla cantante d'opera è stata chiesto della rabbia dei conduttori nei suoi confronti e ha risposto con resistenza. Herbert Karajan ha dovuto lavorare con i suoi coetanei nazisti in una Germania nazista, ma ha modellato la Filarmonica di Berlino in uno strumento che risponde alla sua volontà. Purtroppo, si è anche circondato da un equipaggio di lealisti e rospi, e non era ricettivo alle opinioni artistiche che contraddicevano il suo.

Il conflitto tra i due artisti è iniziato quando entrambi hanno avuto diverse opinioni del lirismo. Il soprano ammirava il dinamismo di Karajans, ma il direttore non era lo stesso. Il direttore era anche un fan dello stile italiano di Toscaninis e sapeva che il lirismo era importante. Eppure è stato anche infettato dall'opportunismo e non è stato quindi in grado di produrre gli stessi effetti di Toscanini. Sebbene questo fosse inquietante per Nielsen, rimase fedele al cantante d'opera, nonostante la sua faida con il direttore.

Birgit Nilssons Feud con il direttore Herbert von Karajan ha iniziato due anni fa e si è conclusa con il cantante annullando gli impegni nel Met. Le due donne avevano un romanticismo on-off ed erano amici per più di venti anni. Tuttavia, nonostante le loro differenze, Nilsson ha mantenuto una relazione professionale con entrambe e ha continuato a esibirsi in base al suo programma notoriamente impegnativo.

I due artisti avevano una storia di faide sulla carriera reciproca, nonostante il loro amore condiviso per l'opera. Il soprano, morto nel 1995, era uno dei compagni più vicini di Karajan. La loro rivalità era snervante e non fece mai ricorso alla violenza fisica per conquistare Nielsen. Fu solo dopo che decisero di separarsi, lasciava che la faida con il direttore diventasse pubblico. La faida è ancora una questione di storia, ma una cosa è chiara: entrambi i cantanti avevano talento.



Niccolò Bonazzon

Quando ero bambino, il mio sogno era diventare il batterista dei Blues Brothers. Dopo aver assistito a innumerevoli spettacoli nel corso della mia vita, il mio interesse è passato dal palco al backstage. Ho trovato la mia vocazione: business e management. Questo è stato il modo per unire tutte le mie passioni: marketing, creatività e... persone. Oggi sono un Business Development Manager e mi occupo di musica, eventi e intrattenimento. Grazie alla mia esperienza nell'industria musicale e creativa, sono in grado di combinare la conoscenza per i contenuti con il pensiero critico e analitico. Studio sempre le migliori pratiche di gestione e marketing per ampliare le mie conoscenze e competenze.

📧Email | 📘 LinkedIn