Migliori Bebop nel 2022

Storia jazz: bebop

L'evoluzione del terreno armonico jazzs è meglio illustrata a Bebop, che ha ampliato radicalmente il territorio armonico aperto al solista. A differenza del jazz precedente, che si basava in gran parte sulla scala occidentale di 7 noti maggiori e minori, Bebop fece uso dell'intera scala cromatica di dodici note. Il suo uso di accordi sostituiti e un impulso ritmico metronomico ha rotto il rigoroso modello lineare dei tamburi. Il risultato è stato un'improvvisazione molto complicata che è stata piena di una varietà di trame armoniche.

Monaco thelonious

Thelonious Monk, un leggendario pianista jazz, è stato il sommo sacerdote di Bebop e un'influenza definitiva sul successivo sviluppo di questo movimento. Il suo stile di gioco radicale era segnato da ritmi inaspettati, accordi improvvisi e un senso di swing. Mentre la sua interpretazione ha influenzato dozzine di altri musicisti jazz, Monk è stato ingiustamente deriso come nevrotico dai suoi coetanei. Era sposato con Nellie Monk e aveva un figlio, T.S. Monk, che in seguito divenne un noto trombettista.

Un comunicato stampa sulla performance dei monaci del 1948 lo rappresentava come uno strano, ma il Jazzman in seguito arrivò ad odiare questa etichetta. Gli è stato diagnosticato un disturbo bipolare e ha dovuto sottoporsi a cure psichiatriche. Non poteva giocare in discoteche al servizio di alcol ed era spesso ricoverato in ospedale. Le sue condizioni mentali si sono deteriorate nel tempo e alla fine si è ritirato dal suonare. Morì di ictus il 17 febbraio 1982.

Monk iniziò la sua carriera giocando a un organo di chiesa e in seguito abbracciava il jazz. Dall'inizio alla metà degli anni '40, divenne pianista della Mintons Playhouse di Manhattan, dove ebbe un profondo impatto sui musicisti che in seguito svilupparono il movimento Bebop. Le sue improvvisazioni sono state caratterizzate da ritmi e armonie insolite e sono state successivamente adottate come standard jazz. E Monk ha avuto una grande influenza sullo sviluppo dello stile di Bebop e ha ispirato l'ascesa di Miles Davis.

Thelonious Monk era una figura importante nella storia del jazz. La sua carriera discografica ha una storia affascinante dietro di essa. Ha combattuto contro i suoi critici per attirare l'attenzione che meritava. Tuttavia, la sua carriera non è passata inosservata ai critici. Dopo aver registrato per Blue Note, ha collaborato con Miles Davis, Max Roach e Art Blakey. Allo stesso tempo, il suo rapporto con Gordon lo ha reso un forte sostenitore del suo lavoro. Ha registrato un genio della musica moderna, vol. 1 nel 1947, ma non pubblicò l'album fino al 1951.

Anche la tecnica compositiva impiegata da Monk ha svolto un ruolo chiave. Mentre i tradizionali musicisti jazz impiegavano progressioni di accordi più convenzionali, Monk ignorava l'approccio tradizionale alla continuità corde. Inoltre, usava spesso più note rispetto ad altri musicisti jazz. Il suo uso di ritmo e silenzio gli ha permesso di produrre una musica che era sia verticale che lineare allo stesso tempo. Questo stile è stato caratterizzato da un forte contrasto tra i ritmi melodici di quarto e ottava note.

Da giovane a New York, Monk ha iniziato a studiare musica. Dopo aver studiato musica classica, in seguito ha trascorso due anni a sostenere un evangelista. Questo background musicale lo ha aiutato a integrare la musica spirituale e religiosa delle chiese nere nel jazz. Le sue registrazioni includevano l'inno con me. Ha anche studiato musica classica e ha sviluppato una tecnica per pianoforte a due mani. Quando ha raggiunto l'età di ventuno anni, aveva già acquisito un impressionante repertorio di musica jazz.

Klook è stato il tamburo che ha dato il nome a Bebop e le prime registrazioni presentano questo suono. Clarke, i cui primi anni sono stati trascorsi vivendo a Parigi, è ampiamente considerato uno dei principali pionieri dello stile di Bebop. La sua tecnica pionieristica e l'approccio innovativo alla batteria in seguito sono diventati il segno distintivo di Bebop, e il suo stile è riconosciuto oggi, in particolare nel lavoro di Art Blakey e Max Roach.

Il ritmo di Ching-Chinga è nato dall'uso di Clarkes del piatto di corsa, che dà a bebop il suo suono distintamente elastico. La sua invenzione ha contribuito a rendere la musica di bebop uno standard e da allora molti batteristi hanno seguito l'esempio. Prima di rendere questa innovazione molto popolare, Clarke aveva anche suonato altri strumenti come il trombone. La sua influenza sull'arte del drumming jazz è stata così profonda che ha ottenuto un concerto nella grande band di Edgar Hayes. Il suo ritmo CH-Chinga-Chinga era una componente chiave di Bebop e influenzava un'intera generazione di batteristi jazz.

Mentre giocava in Europa, Clarke ha avuto l'opportunità di lavorare con alcuni dei più grandi giocatori del mondo del jazz. Durante questo periodo, ha collaborato con Dizzy Gillespie e Billy Eckstine. Più tardi, divenne membro fondatore del moderno quartetto jazz, che fu attivo dal 1951 al 1955. Questo ensemble è ora considerato un classico nella storia del jazz americano. Questo non vuol dire che Clarke, Bebop era il lavoro più influente di Clarkes.

Negli anni '30, Clarke era un frequente visitatore di Minton a Pittsburgh. Durante il suo breve periodo nella grande band di Louis Armstrong, si è guadagnato un soprannome di Klook-Mop. Più tardi, ha registrato con Dizzy Gillespie in Ella Fitzgeralds Orchestra. Dopo aver trascorso un po 'di tempo nell'esercito, ha continuato a esibirsi e registrare con lui. Nel 1942, Clarke ha co-scritto l'epistrufia con Monk e tour con Benny Carter.

Dopo un periodo di suonare a Chicago con Miles e Monk, ha viaggiato molto in Europa ed è diventato un leader. La sua grande band presentava artisti di spicco come Johnny Griffin, Art Farmer e Benny Bailey. In seguito ha co-fondato la Kenny Clarke-Francy Boland Band. Questa musica di band ha influenzato il jazz e il mondo del pop. Tuttavia, è rimasto fuori dal mainstream per un decennio fino alla sua morte nel 1968.



Gianluigi De

La mia specialità è la gestione dei progetti di marketing. Anche la cura della musica, la creazione di contenuti, la produzione di eventi, la gestione degli artisti, il giornalismo, sono caratteristiche che sono state sviluppate attraverso le mie esperienze professionali. La musica è sempre stata la mia passione trainante senza distinzioni di genere. Ho iniziato come giornalista in TV e riviste locali, poi ho lavorato per il network televisivo internazionale MTV come Artist Coordinator. In seguito, ho lavorato per 7 anni presso il Dipartimento Marketing e Promozione della Warner Music. Poi, come freelance, ho collaborato con Universal Music come Exploitation Manager e Radio Plugger, oltre al mio ruolo di event manager e curatore musicale per l'evento di moda indipendente Chérie's Tree House. Ho lavorato anche per quasi 2 anni come Label Manager e A&R presso l'etichetta musicale indipendente italiana Nuvole Production, fondata dal cantautore Fabrizio De André e Dori Ghezzi e, sempre come freelance, ho collaborato per altri 2 anni presso Sempre Warner Music Italy (come Radio Promotion presso il Dipartimento di Elettronica e Danza). Da dicembre 2015 sono Project Manager presso Warner Music Italy, occupandomi di marketing e promozione di atti internazionali tra cui Warner Electronic e Dance dept. + Perché progetti di etichette musicali

📧Email | 📘 LinkedIn